Dott. Gianluigi Rosi Centro Medico AngioVascolare Europeo


Count Down 2018: 

Ultimi Articoli

Consigli per il benessere delle gambe. Varicosità o Teleangectasie. Cosa Fare?
Il termine medico corretto è teleangectasie. Si tratta di piccolissime venuzze che misurano meno di 1 mm di diametro, di colore rosso, bluastro o violetto, presenti soprattutto a livello degli arti inferiori. Talvolta possono trovarsi anche in altre zone: viso, nuca, fondoschiena.
Eliminare le vene varicose la tecnica della scleromousse eco-guidata
Il Dr. Elia Diaco di Catanzaro ed il Dr. Gianluigi Rosi di Perugia ci hanno rilasciato un’intervista in cui illustrano un nuovo rimedio alla patologia delle vene varicose, non invasivo, che seguono dal 2003: la scleroterapia mousse eco-guidata.
Trattamento Scleromousse Prima e Dopo
Immagini Prima e Dopo del trattamento delle vene varicose con la tecnica della scleromousse .
Vene Varicose: adesso c'è la scleromousse
E' noto che le varici, fin dalle loro più sottili espressioni, i cosidetti capillari, sono conseguenti a "cattiva stoffa venosa", cioè hanno pareti deboli, sottili e fragili.
10 Regole: per vivere bene e prendersi cura delle Vostre Vene.
La pesantezza delle gambe la sera, il gonfiore, i crampi ed i dolori notturni, la fragilità capillare, il dolore al cammino in salita, delle macchie blu sulle gambe..
Vene Varicose: quali rischi per la gravidanza?
Risponde il Dott. Gianluigi Rosi: In particolare durtante il V-VI mese, quando il feto inizia a svolgere una compressione sulle strutture...
Il ruolo della scleroterapia nella cura delle vene
Predisposizione alle varici può essere rivelata anche dalla facilità all'ecchimosi. E' noto infatti che le varici, fin dalle loro più sottili espressioni, i cosidetti capillari...
Vene varicose, è la stagione per intervenire
Predisposizione alle varici può essere rivelata anche dalla facilità all'ecchimosi. E' noto infatti che le varici, fin dalle loro più sottili espressioni, i cosidetti capillari...
Non serve il bisturi per eliminare le vene varicose
L’estate è alle porte e come ogni anno si ripropone il dramma delle gambe da scoprire. Ho appena compiuto 40 anni e potrei definirmi una donna...
L'estate mette a dura prova le gambe
Predisposizione alle varici può essere rivelata anche dalla facilità all'ecchimosi. E' noto infatti che le varici, fin dalle loro più sottili espressioni, i cosidetti capillari...
Vene Varicosa: Quando intervenire
Tenicamente si definisce sfiancamento della parete venosa. Per le donne - netta maggioranza tra i malati - sono più note come vene varicose, microvarici o capillari ...

VENE VARICOSE, QUALI I RISCHI IN GRAVIDANZA? RISPONDE IL DOTTOR GIANLUIGI ROSI

Perchè durante la gravidanza in una donna aumenta il rischio di vene varicose?

In particolare dal V-VI mese, quando il feto inizia a svolgere una compressione sulle strutture venose del bacino ed in particolare modo sul lato sx, vi è una copressione sulla vena iliaca che provoca un ritardato ritorno venoso e quindi può provocare una ingravescente dilatazione venosa. E' ovvio che il feto può anche appoggiarsi sulle strutture venose a dx.


Quali comportamenti alimentari bisogna tenere per prevenire il più possibile il problema?

Il primo intervento deve essere rivolto, dal V-VI mese di gravidanza sino al parto all'utilizzo di calze elastiche graduate che svolgono un'azione di compressione venosa stimolando un maggior ritorno del sagune e contrapponendosi alla dilatazione. E' ovvio che durante la gravidanza bisogna fare attenzione a non prendere troppo peso, solitamente il rapporto è un chilogrammo al mese.


L'aumento di peso eccesivo può essere un aggravante o un fattore maggiormente predisponente?

L'aumento di peso eccessivo è un'aggravante perchè oltre a ciò vi è l'azione meccanica di compressione del feto sulle strutture venose.


Qual è la corretta alimentazione per evitare che si possano anche creare dei problemi di tipo emorroiodario?

La patologia emorroidaria è molto comune in gravidanza e solitamente si presenta dopo il VII mese per poi aggravarsi quando ci si avvicina al parto. Quando addirittura si può avere un completo prolasso emorroidario. E' ovvio che in queste fasi bisogna eliminare tutto cio che è irritante per il plesso emorroidario. Cibi speziati, pepe, cioccolata e tutti quegli alimenti che l'individuo conosce come irritanti.


Ci sono prodotti o creme che si possono utilizzare durante la gravidanza per prevenire il problema?

Durante la gravidanza possono essere utilizzate delle creme per le gambe , solitamente i flebotonici anche se naturali sarebbe meglio evitarli. Per le emorroidi, se congestionate, si può utilizzare la pasta all'ossido di zinco, la più efficace


Fare movimento aiuta a prevenire il rischio di varici? E fino a che punto si può praticare attività sportiva? Superare un certo tipo di sforzo può essere controproducente?

Il movimento è indispensabile: camminare , nuotare sono le attività fisiche più indicate. E' ovvio che non bisogna sforzarsi per non creare delle modificazioni a livello dell'annidamento del feto. Comunque le vene varicose possono essere mitigate con l'uso di tutore elastico. In qualche donna si potrebbe evidenziare una diffusa ectasia venosa in tutti e due gli arti. Bisogna comunque stare tranquilli, consultare un flebologo esperto che consiglierà per il meglio. Solitamente dopo il parto tutte le dilatazioni tendono a scomparire. Comunque ogni donna dovrebbe farsi seguire da un flebologo esperto che potrà consigliare le cose da fare.


Nel caso in cui durante la gravidanza si siano manifestate vene varicose, come e cosa si può fare per risolvere il problema?

L'uso assoluto di tutore elastico autoreggente coscia oppure a collant tipo "maman" con una compressione da 18 a 21 mmHg...


Lascia un Commento

Contact form submitted!
We will be in touch soon.