Dott. Gianluigi Rosi Centro Medico AngioVascolare Europeo


Count Down 2018: 

Aneurisma Aorta

Ultimi Articoli

I Video

Approfondimenti

Aneurisma Aorta: Cosa è interessante sapere
A cura del Dott. Gianluigi Rosi

Ancora purtroppo si muore per aneurisma dell’aorta addominale ed è per questo motivo che nella mia pratica clinica da25 anni in ogni mia valutazone vascolare effettuo una valutazione di screening dell’aorta addominale e pochi secondi possono salvare dalla rottura una vita umana. Purtroppp sia in Europa che negli USA ogni anno muoiono circa 15.000 persone.

La maggiore prevalenzasi ritrova nel sesso maschile con una età di 70 anni circa, fumatori ed una differenza rispetto alla donna di (6 a 1) con una mortalità tra il 70 e 95%. Solitamente il calibro dell’ aorta addominale è 1,5-2 cm quando è maggiore di una volta e mezzo questo valore (quindi 3 cm) si parla di aneurisma; se è compresa tra 2 e 3 cm si parla di ectasia. Gli aneurismi dell'aorta addominale si localizzano generalmente al di sotto delle arterie renali dove vi è un incremento della turbolenza che si realizza grazie anche alla presenza delle arterie renali, e quindi potranno assumere un aspetto sacciforme o fusiforme. La dilatazione , può anche localizzarsi a livello del tratto terminale in prossimità della biforcazione nel punto di massimo impatto e turbolenza coinvolgendo anche le arterie iliache comuni. Le condizioni emodinamiche presenti a livello dell’aorta sono molto importati a livello del tratto toracico e nel primo tratto addominale si avrà un flusso laminare, mentre al di sotto delle arterie renali, che comunque raccolgono il 20% della gittata cardiaca, vi sarà un flusso turbolento che genererà uno sviluppo disarmonico della pressione idrostatica tanto da poter sviluppare uno sfiancamento della parete dell’aorta. Dal momento che il diametro dell’aorta aumenta si avrà un aumento della tensione radiale che conseguentemente porterà ad un aumento delle turbolenze che provocherà una progressione della malattia vascolare. Studieseguiti hanno dimostrato che lla dilatazione della progressione dell’aorta addominale può essere di circa 1 mm l’anno. La parete dell'aorta è vascolarizzata da capillari (vasavasorum) che diminuiscono nel tratto sottorenale, che quindidiventa meno vascolarizzata. Con il tempo questo tratto sarò maggiormente predisposto alla sclerosicon riduzione della perfusione , quadro questo che sarà ulteriormente aggravato dalla presenza di diabete, fumo, ipertensione. L'asintomaticità dell’aneurisma dell’aorta , rende il quadro ancora più difficile da inquadrare è per questo motivo che l’aorta addominale deve essere sempre valutata , ponendo una sonda ecografica al di sopra dell’ ombellico. La corretta visualizzazione in mani esperte consente di valutare l’aorta in pochi secondi. L’evoluzione delle tecniche di chirurgia vascolare consentono in condizioni di diagnosi precoce di posizionare delle endoprotesi utilizzando una piccola via trans femorale.


Media

Fai una domanda al Dott. Rosi Gianluigi e al Dott. Raffaele Colucci - Clicca Qui Ora!


Tel: 337640061 - Gianluigi Rosi

Ambulatori:
  • Perugia, Via Fonti coperte 38
  • Terni, servizi sanitari via c. battisti 34 Terni
  • Roma, Centro Medico Parioli, Via Pietro Tacchini, 24
  • Milano, Centro di Medicina Estetica e Flebologia San Babila Galleria Passarella. Piazza San Babila.
  • Catanzaro, Minerva Surgical Service Via Lecrezia della Valle

Commenti

Lascia un Commento

Inserimento Commenti Emorroidi
Nome
Titolo
E-mail
Commento